Eur usd, presto romperà la compressione obiettivo 1.20-1.25

Scritto il 13 Giugno, 2016 - 8:10 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1341 letture
Tag

Eur usd, presto romperà la compressione obiettivo 1.20-1.25. Molti mi diranno che sono pazzo, ma il grafico ci racconta qualcosa di diverso dalla macroeconomia.

Eur Usd

Eur Usd

Oggi ancora una volta, abbiamo il pensiero e i numeri in campo, io ho smesso di pensare da tempo quindi propendo più per la seconda ipotesi.

La logica macroeconomica è molto semplice:

-Politiche di easing europee svalutazione euro.

-Politiche restrittive Usa rafforzamento dollaro.

Risultato euro usd al ribasso, ma il mercato ci dice l’opposto come mai?

La situazione economica negativa, le elezioni americane stanno spingendo a una forte svalutazione del dollaro non a un rafforzamento, per il semplice motivo che la maggior parte degli investitori sulla base del ragionamento macroeconomico si era posionato per un euro usd sotto la parità, ora giorno dopo giorno vede saltare stops.

Secondo elemento nuovo e inaspettato, il valore che il mercato attribuisce alle politiche di easing, le considera un fallimento enorme e quindi quasi le sfida.Poi in realtà dal punto di vista pratico sono molti gli operatori che stanno chiudendo le operazioni a leva fatte in euro, perché si rendono conto che sono troppo rischiose. (Chiudono debito e quindi come chiudessero posizioni short)

Quindi oggi i numeri ci stanno dicendo qualche cosa di molto differente di quello che ci insegna la macroeconomia, ma noi dobbiamo osservare i mercati reali tutti giorni e soprattutto renderci conto che oggi abbiamo delle correlazioni che stanno saltando, e che quindi se uno segue le logiche che sino alla settimana prima andavano bene commette errori molto gravi. Quindi occhio al mercato e massima flessibilità! Nella bussola dei mercati vengono affrontate tutti i giorni queste tematiche ed questi cambi di correlazioni essenziali per avere la giusta chiave di lettura del mercato.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.