Eur-Usd, long ma attenzione al mensile!

Scritto il 13 Aprile, 2016 - 10:19 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1254 letture

 

Eur-Usd, grafico di Price Action daily
Eur-Usd: il grafico giornaliero della coppia più importante del Forex ci mostra innegabilmente una tendenza rialzista con un prezzo stabilmente al di sopra della media mobile e, in questo momento, al di sopra della zona di supporto 1,1330. Da un punto di vista macroeconomico prosegue in Europa la politica monetaria accomodante di Mario Draghi con la prospettiva quindi di contenere un rafforzamento della moneta unica per favorire la ripresa della zona euro ed il rialzo dell’inflazione. Dall’altra parte dell’Atlantico invece (come abbiamo visto anche dalla pubblicazione del Minute di pochi giorni fa) la Federal Reserve è sempre più propensa a posticipare il prossimo rialzo dei tassi di interesse, secondo alcuni al mese di giugno secondo altri addirittura in novembre dopo le elezioni presidenziali. In questo senso la pubblicazione del Beige Book di stasera potrebbe fornire qualche indicazione in più in vista della prossima riunione monetaria della Federal Reserve. L’attuale scenario tecnico, come conseguenza di quanto appena menzionato, ci mostra un indebolimento generalizzato del dollaro americano ma allo stesso tempo un euro che non riesce ad “approfittarne” e che rimane al momento bloccato in una lateralità di brevissimo periodo compresa fra l’area di supporto sopra menzionata e quella di resistenza 1,1450. Da un punto di vista operativo avendo al momento, nel breve periodo, una tendenza rialzista, cercherei segnali di Price Action long proprio sul supporto 1,1330 per rivedere una quotazione per lo meno nella parte superiore dell’attuale lateralità; qualora la quotazione risalisse senza segnali operativi valuterei con molta attenzione la presenza di un segnale di trading short sul livello di resistenza 1,1450 (anche se contro trend!) perché rappresenta un’ area molto interessante di vendita nel time frame mensile, evidenziando una media mobile in avvicinamento dall’alto che potrebbe potenzialmente favorire la pressione dei venditori ed una continuazione della tendenza ribassista di lungo periodo che avevamo avuto nel 2014, interrotta poi nel corso di tutto il 2015 dalla fase di lateralità. Obiettivo di un’ eventuale entrata short potrebbe essere la zona di supporto 1,11.
Maurizio Orsini
www.mauriforex.com (valute e materie prime)
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

EURUSD D1 (04-13-2016 1018)

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.