Eur-Usd, bearish engulfing mensile!

Scritto il 7 Giugno, 2016 - 9:33 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1211 letture

 

Eur-Usd, grafico di Price Action mensile
Eur-Usd: sicuramente una delle coppie più variabili ed incostanti del panorama Forex (complice la snervante “telenovela” del rialzo tassi da parte della Fed) ci mostra, nel grafico mensile, un movimento di lungo periodo sostanzialmente short caratterizzato da massimi discendenti e da una accelerazione ribassista che abbiamo constatato nel corso del 2014 fino ai minimi testati nel marzo 2015 e nel dicembre 2015 in zona 1,05. In tutto l’arco del 2015 fino alle settimane attuali il prezzo non ha fatto altro che muoversi all’interno di una “lateralità” mensile ma evidente anche nel time frame settimanale; questa pausa della precedente tendenza ribassista è stata generata da diversi fattori come l’inizio del quantitative easing da parte di Mario Draghi; il caos greco, la crisi del rublo e della produttività cinese, senza dimenticare tutto il discorso relativo alla politica monetaria statunitense che, dopo l’iniziale aumento tassi dello scorso dicembre, ha giocato sulla difensiva continuando a rinviare il momento del prossimo ritocco del costo del denaro (è proprio di ieri il discorso di Janet Yellen a Philadelphia secondo la quale l’economia è in crescita ed un rialzo dei tassi è necessario ma nessuna indicazione in merito alla tempistica è stata fornita). In modo particolare quest’ultima variabile sta provocando continui cambi di tendenze nel grafico del dollaro e per correlazione in quello dell’euro dollaro. Nonostante questo, il “breve” periodo del grafico mensile ci mostra una fase di rialzo che ha riportato la quotazione in zona 1,1550 realizzando una falsa rottura del livello di resistenza 1,1450 e della media mobile 21, disegnando nel mese di maggio un bellissimo engulfing ribassista che potrebbe essere anche tradato con un’apertura di posizione short direttamente a mercato, alle condizioni di prezzo attuali, oppure, per maggiore cautela, attendendo un nuovo segnale di trading nel grafico giornaliero anche per migliorare il rapporto rischio/rendimento. Target di una possibile ripresa del movimento discendente mensile potrebbe essere sicuramente l’area di supporto 1,05.
Maurizio Orsini
www.mauriforex.com (valute e materie prime)
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

EURUSD M1 (06-07-2016 0919)

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.