Eur-Usd, attendo un ritracciamento per entrare long.

Scritto il 3 Ottobre, 2013 - 20:54 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1682 letture

Eur-Usd, continua la tendenza rialzista dopo la rottura dell’area 1,3550. Attendo una correzione tecnica ed un segnale di trading per entrare in acquisto.

Eur-Usd: il dollaro prosegue la sua fase di deprezzamento legata anche al problema “shutdown” (ancora non risolto dal presidente Obama) contribuendo a generare per Eur-Usd la rottura della zona di resistenza 1,3550. Il prossimo livello chiave di maggiore importanza è collocato in area 1,37 e l’eventualità di assistere ad una continuazione del movimento bullish fino a tale livello potrebbe essere anche confermata (per correlazione) da un proseguimento discendente del Dollar Index fino al supporto 10,40. Ricercherò quindi un set up di acquisto sull’Eur-Usd nell’area di supporto 1,3550, approfittando di una potenziale e temporanea correzione del prezzo e dell’avvicinamento della media mobile come supporto dinamico.
eurusd03

Finestra macroeconomica
Dopo il meeting di politica monetaria di ieri abbiamo ricevuto un altro dato dalla zona euro, quello delle vendite al dettaglio, risultato nettamente superiore alle attese e al dato precedente.
Dagli Stati Uniti sono giunti i dati relativi all’indice non manifatturiero (sceso al 54.4 sotto le attese) e quello sulle richieste di sussidio alla disoccupazione (a 308K in leggero rialzo rispetto alla precedente rilevazione ma sotto le aspettative di mercato).
I mercati azionari chiudono un’altra seduta negativa con eccezioni rialziste per l’Hang Seng di Hong Kong ed il FTSE di Londra.
Il mercato Forex evidenzia oggi una giornata di forza per l’euro, di debolezza per il dollaro, la sterlina e per il neozelandese. Fra le materie prime abbiamo avuto un calo del WTI ed una seduta contrastata per oro e argento.
Domani giornata di alta volatilità per lo Yen, con il meeting di politica monetaria della Bank of Japan, sarà interessante ascoltare le parole del governatore Kuroda per comprendere la linea di politica monetaria futura della BoJ. Cambia invece la volatilità attesa per il dollaro visto che il consueto ed importantissimo dato sulle Payrolls americane è stato rinviato a data da stabilire, dopo lo “Shutdown” che ha di fatto bloccato l’attività di molti enti governativi.
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.