Eur-Aud, un segnale long dopo la rottura

Scritto il 7 Ottobre, 2013 - 20:17 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1296 letture

Eur-Aud, il cross è ancora in lateralità di breve periodo ma una rottura rialzista potrebbe spingere all’apertura di posizioni long.

Eur-Aud: la situazione nel breve periodo è piuttosto confusa, con una fase di lateralità ed una media mobile piatta. Sicuramente il grafico settimanale mostra con più chiarezza un movimento rialzista che potrebbe presto riprendere la sua direzionalità. Il miglior livello grafico in cui ricercare uno dei miei segnali long, proprio considerando il time frame weekly, è costituito dall’area di supporto statica e dinamica 1,42. Qualora la forza dell’euro dovesse essere tale da non consentire una discesa della quotazione fino a tale livello, si potrebbe anche considerare un set up bullish dopo la rottura della zona di resistenza 1,4520. In entrambi i casi avremmo un primo target di presa di profitto in area 1,4950 e poi, eventualmente, sulla resistenza settimanale 1,54.
euraud07

Finestra macroeconomica

Il primo giorno della settimana non è stato particolarmente volatile ed ha evidenziato, da un punto di vista macroeconomico, il report mensile della banca centrale giapponese e la fiducia degli investitori nella zona euro.
La Bank of Japan riporta una situazione interna in graduale miglioramento ed una previsione di crescita sulla stessa linea. Anche le esportazioni hanno avuto un miglioramento, nonostante il rafforzamento dello Yen nell’ultimo mese. Nessun accenno particolare alla politica monetaria futura.
Negativo il dato sulla fiducia degli investitori nella zona euro che è scesa al 6.1, sotto le previsioni e sotto il dato anteriore.
Le borse di valore hanno aperto la seduta settimanale in netto calo e sono rimaste deboli per tutto il giorno (ad eccezione di Milano).
Il Forex evidenzia oggi un’altra seduta difficile per il dollaro e per il petrolio, di rialzo per i metalli preziosi.
Dopo il problema dello shutdown statunitense (ancora, e per poco, in cerca di una soluzione) avremmo dovuto recuperare domani l’importante dato Non Farm Payrolls slittato lo scorso venerdi ma…pare che lo stesso non sia stato confermato e quindi rimaniamo in attesa! Per domani il calendario economico presenterà anche i dati sul mercato del lavoro svizzero e la fiducia nell’economia in Australia.
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.