Eur-Aud, cambio nel trend di breve, ora tocca al weekly!

Scritto il 13 Gennaio, 2014 - 19:53 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1788 letture

Segnali Forex di Price Action

Eur-Aud, la violazione ribassista dell’area 1,53 di dieci giorni fa è stata confermata con la rottura della EMA21 e della bandiera di continuazione short.

Eur-Aud: dopo la lateralità di fine anno il prezzo di Eur-Aud ha rotto al ribasso l’interessante zona di supporto 1,53 violando anche la media mobile 21. Entrambi questi livelli di supporto (statico e dinamico) sono stati ritestati da una correzione tecnica rialzista di brevissimo termine che ha formato un classico pattern di analisi tecnica, una flag (bandiera) di possibile continuazione ribassista che è stata violata proprio nella giornata odierna. Un pullback tecnico di ritest della flag, con segnale di trading in vendita, sarebbe una valida opportunità per entrare short con un possibile target del movimento short corrisponderebbe alla proiezione discendente dell’asta della bandiera e cioè nella zona di supporto 1,4750. Tuttavia bisogna fare i conti con l’importante area di supporto 1,50 che, oltre ad essere un livello “tondo” e psicologico importante, rappresenta anche una zona chiave nel time frame weekly (ancora long!) dove giungerebbe proprio la EMA21.
euraud13

Calendario Forex

La nuova settimana di negoziazione inizia nel modo più tranquillo possibile considerando l’assenza di market movers di alta volatilità attesa. Dall’ Oceania abbiamo ricevuto alcune notizie di media rilevanza ma senza forti movimenti valutari. E’ di oggi anche la notizia “soft” sull’elezione da parte della rivista Central Banking di Mario Draghi come “Governatore dell’anno”!
I principali indici azionari, dopo la giornata di indecisione dello scorso venerdì, si mantengono sopra la parità (soprattutto Madrid e Milano) tranne le borse americane che mostrano maggiore debolezza.
Il mercato valutario evidenzia oggi un particolare deprezzamento della sterlina e dell’euro (ed in parte del dollaro); una maggior forza per lo yen e le commodity currencies.
Il calendario macro di domani sarà più interessante con tre market movers di maggiore importanza: l’inflazione nel Regno Unito, la produzione industriale della zona euro e le vendite al dettaglio negli Stati Uniti.
www.mauriforex.com
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.