Ecco i 3 investimenti vincenti nel 2016

Scritto il 2 Dicembre, 2015 - 8:17 da Fabio Troglia

Ecco i 3 investimenti vincenti nel 2016. Siamo ormai nel Dicembre 2015 quindi, è ora di guardare e capire quali possono essere i temi hot per il prossimo anno.

Investimenti vincenti 2016

Investimenti vincenti 2016

Le prime tre caratteristiche che ricerca un investitore sono:

-Investimenti redditizi.

-Investimenti che abbiano un ottimo rapporto tra rischio e rendimento.

-Investimenti sicuri.

Seguendo questa logica, ecco che ci andiamo a concentrare su alcuni temi specifici:

-Short Bund o Btp.

Euro Bund Full1215 Future

Euro Bund Full1215 Future

La politica espansiva di Draghi, sta portando questi mercati in stress, ossia in una condizione anomala mai vista. Infatti oggi abbiamo tassi d’interesse negativi, questo significa che se oggi un investitore compra con scadenza breve un Bund o un Btp perde soldi ogni giorno. Li compra solo sull’idea che dietro i prezzi ci sia la Bce. Attenzione però, perché i rendimenti non possono andare in negativo oltre certi livelli e ora siamo già a -0.4%, quindi abbiamo un rischio molto limitato a fronte di una possibilità di crollo dei prezzi davvero molto elevati. Andare short sul Bund o sul Btp a mio avviso non ci sono differenze sostanziali, in termini di redditività per due ragioni. I Btp sono meno forti dei Bund, ma sono saliti a livello di prezzo un po meno che il Bund quindi il differenziale di forza e già quotato nella differenza di prezzi a cui uno deve andare ad acquistare. Se scarichi ora il mio Portafoglio puoi vedere che Etf ho comperato e le quantità. Le possibilità di guadagno possono arrivare senza problemi a performance superiori al 10%

-Short Sp500

S&P500 Index

S&P500 Index

Il mercato americano in questi ultimi anni è salito in maniera forte e costante e abbiamo raggiunto dei massimi storici assoluti. Attenzione però che tutto questo è stato possibile grazie ad una grandissima politica espansiva adottata dalla Federal Reserve. Oggi la politica espansiva è finita e probabilmente il 2016 vedrà l’inizio di un processo di politica monetaria restrittiva. Questa situazione macro se la rapportiamo con il grafico di Sp500 e con il Margin debt index, ossia il grafico che identifica l’effetto leva, ci rendiamo conto che il 2016 sarà certamente un anno di deleveraging. Quindi il tutto si identificherà in forte discese per il listino americano. In questo caso i prezzi potranno scendere con performance anche vicine al 20%

-Long Euro dollaro.

EUR USD

EUR USD

 

La politica espansiva-restrittiva che è stata generata dalla Fed e Bce sta portando i prezzi ad una zona di prezzo molto interessante. Il movimento finale di discesa dei prezzi a cui stiamo assistendo e che con buona probabilità porterà i prezzi in area 1-0.95 non è più cosi interessante dal punto di vista ribassista. La mia operatività su questo cross è finalizzata sulle accelerazioni ribassiste a chiudere dollari, in questa fase non accellerereri, era una cosa che andava fatta prima. Mentre una volta che i prezzi saranno scesi sotto la parità, be’ questa sarà un occasione di lungo termine, davvero incredibile. Infatti dal livello di 0.95 passa una base di prezzi importantissima, che nel lunghissimo periodo parlo di 5-6 anni ci porterà a vedere una salita costante del 100%. Inoltre in quell’area di prezzo sarà interessante comperare, perché gli Usa non potranno permettere al cross euro dollaro di svalutarsi sotto gli 0.9 se non vorranno mettere in ginocchio la loro economia. Quindi avremo un doppio fattore, i prezi che si troveranno su una resistenza annuale fortissima, con una politica americana che a quel punto, non potrà che essere nostra amica.Quindi in questo caso il 2016 deve essere un anno di attesa per osservare e agire, ma solo quando i prezzi saranno sotto gli 1. I dollari in portafoglio sia a livello di trading che a livello obbligazionario verranno eliminati dal portafoglio.

Caro trader ti ricordo, che ci sono due tipologie di attività che ci devono contraddistinguere, una legata al trading mordi e fuggi, quindi che vive di storie di brevi, che ci permette di avere la frequenza, che viene solitamente effettuata con importi più piccoli, poi invece abbiamo delle storie forti importanti, in cui si possono investire somme ingenti di capitale perché sono trend più lenti, ma certi. Se tu hai delle situazione d’investimento che ritieni importanti e vuoi condividere con noi scrivi sotto i tuoi commenti!!

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.