Crollo in borsa, oggi ti spiego perchè è possibile

Scritto il 3 Marzo, 2016 - 9:41 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3666 letture
Tag

Crollo in borsa, oggi ti spiego perché è possibile.Oggi analizziamo insieme tre indizi importanti che ci portano alla conclusione sopra citata.

Che ti piaccia o meno il mondo dipende, sopratutto nella finanza dagli Usa, quindi è li che noi dobbiamo concentrare la nostra attenzione.Oggi nel dettaglio osserveremo tre grafici importanti, che ci indicano tutti lo stesso preoccupante scenario, sarà vero che tre indizi fanno una prova?

-Azioni Apple, bellissima azienda un colloso, ma se ora guadiamo il grafico e lo compariamo a quello del Nasadq, ci rendiamo conto che qualcosa sta accadendo.Qualcosa di grave? Semplicemente un forte rallentamento dei prezzi, con la pressione dei venditori in forte aumento, rispetto a quella dei compratori. Ora il titolo ha un grafico molto pulito e netto che ci può aiutare, nelle determinazione del timing del rimbalzo che stiamo seguendo. Infatti è stata fatta una bella base di prezzo a 95 e ora sembra probabile, vedere le quotazioni andare sino al livello massimo di questo movimento 110, prima di un movimento a mio avviso ribassista, che porterà le quotazioni del titolo di Cupertino molto al disotto del livello di 95.

APPLE INC.

APPLE INC.

-Poi analizziamo l’indice Sp500, e ci rendiamo conto anche qui, che l’inclinazione della salita non volge più verso l’alto, ma verso il basso. Ora dal livello di 1800 si è creato un interessante doppio minimo da cui i prezzi sono ripartiti. Ora dobbiamo sperare, di poter vedere le quotazioni raggiungere il livello di 2060-2040, che sarebbe un livello ottimale per potare al massimo la nostra esposizione ribassista.

S&P500 Index

S&P500 Index

-Nyse margin debt, ossia il livello della leva, che poi viene riversata sul mercato.Credo che oggi, si possa affermare con chiarezza, che il livello segnato il 4/01/2016 sia un massimo relativo storico che non vedremo per molto tempo, inoltre ci indica in maniera chiara, che il grosso dei profitti nel 2016 e forse anche nel 2017, si farà al ribasso non al rialzo.

NYSE-margin-debt-SPX-growth-since-1995

NYSE-margin-debt-SPX-growth-since-1995

Le obiezioni di molti sono le stesse, che il listino Sp500 salirà ancora, come ha fatto negli anni precedenti, nella realtà oggi le cose sono cambiate, perché in Usa non c’è più una politica monetaria accomodante, per questa ragione questa discesa rischia di essere quella davvero fatale, perché rispetto al passato abbiamo una condizione importante di mercato differente.Quindi se tu oggi sei long sul mercato, fai attenzione e renditi conto con chiarezza in che scenario stai lavorando, per capire e valutare al meglio le tue decisioni di trading.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.