Crollo della finanza mondiale, ecco come evitarlo

Scritto il 6 Novembre, 2015 - 10:00 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2660 letture
Tag

Crollo della finanza mondiale, ecco come evitarlo.Oggi vedremo insieme come il mondo finanziario si sta organizzando per evitarlo.

Crollo della finanza mondiale

Crollo della finanza mondiale

Oggi ti riporto un interessante grafico sull’andamento dei Treasury americani a 30 anni, questo cosa c’entra con il crollo economico mondiale?
Il grafico parla chiaro, se a esso ci associamo il grafico del Dollar Index, sembra che gli Usa abbiano deciso che a Dicembre i tassi d’intesse debbano essere alzati. Dal punto di vista tecnico e pratico, mi sento di condividere al 100% questa scelta, perché bisogna uscire al più presto da questa fase irreale. Questo è necessario per evitare di perdere le uniche armi che hanno a disposizione le banche centrali. Ma La Fed sta intraprendendo una crociata in solitaria, infatti e d’ieri la decisione della banca centrale inglese, di non alzare i tassi e di rimandare la prima azione, forse al 2016, ma davvero senza fretta.

Quindi se facciamo un breve riassunto delle politiche monetarie globali, ci rendiamo conto che:

-Bce, a Dicembre alzerà il piano di stimolo di easing già in atto e probabilmente inventerà qualche piano alternativo

-La banca giapponese, ha il grilletto puntato per fare un ampliamento del piano espansivo.

-La Cina, ogni settimana fa qualche ritocco alla politica monetaria per renderla più accomodante.

Quindi il mondo economico sembra essere diviso in due, da una parte gli Usa che vogliono iniziare una politica restrittiva, seppur lenta e graduale e dall’altra il mondo, che invece va verso una politica diametralmente opposta.

Che sia forse questa strategia globale concertata, l’unica via di uscita per evitare una crollo monetario mondiale?

Potrebbe anche essere a mio avviso, infatti come giustamente molti affermano, se noi abbiamo un sistema che cresce solo con continui stimoli finanziari, arriverà il giorno in cui, tutto questo deve finire, ma se non si studia una strategia pianificata a tavolino, rischia di diventare uno dei peggiori disastri finanziari della storia. La soluzione che si sta creando a livello politico sembra quindi volta a cercare una sorta di equilibrio mondiale di flussi economici monetari, una sorta di grande cassa di compensazione.

Il mercato come la pensa?

-La borsa cinese in questi giorni continua a salire.

-I mercati emergenti sono in fase dormiente, stabile.

Questi sono ottimi segnali, perché potrebbe voler dire che i punti più caldi del fronte, si sono quantomeno stabilizzati e che quindi un rialzo dei tassi a Dicembre sarebbe senza dolori, ma al contempo aiuterebbe il sistema finanziario a essere più normale, tu cosa ne pensi?

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.