Crescita felice: ecco la ricetta dei governi

Scritto il 4 Novembre, 2014 - 15:00 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1670 letture
Tag

Crescita felice: ecco la ricetta dei governi.Se è vero che la crescita porta alla felicità, tutti la perseguono,vediamo quali sono le ricette dei governi?

crescita felice

crescita felice

Oggi viviamo in un mondo dove non esiste più crescita,per mille motivi che non stiamo ad indagare in questo post, per evitare di andare fuori tema.

Ma invece cerchiamo di analizzare le tecniche che i governi stanno adottando per perseguire tali fini. Stiamo assistendo ad una guerra selvaggia che si chiama svalutazione. Il punto nodale di cui forse i governi non si sono accorti, che se tutte le banche centrali svalutano, l’effetto voluto pratico risulta essere zero.

Ma veniamo alla situazione attuale:

-Giappone ha annunciato un implementazione del suo Quantitative easing, portandolo a livelli davvero importanti.

-Usa hanno finito la loro politica espansiva e quindi ora cercano di difendersi dalla rivalutazione del dollaro, dicendo, promettendo che i tassi verranno alzati chissà quando.

-Bce sempre la più modesta,l’unica che aveva pianificato il suo faticato Quantitative easing sembra essere per problemi politici la meno convincente per i mercati.

Quindi che cosa accadrà? Temo che nel gioco degli equilibri la peggio la avrà la Bce,perché ha dei poteri di azione più limitati e quindi è possibile che pur facendo una politica di svalutazione monetaria per stimolare l’economia, il mercato ritenga più convincente quella dei concorrenti e quindi ci sia una rivalutazione Euro e una stagnazione dell’economia dei paesi Euro. Infatti l’Euorpa per avere una crescita felice, avrebbe bisogno per esempio che il cambio euro dollaro andasse a livelli più bassi, ma soprattutto ci rimanesse per un po di tempo per dare dei benefici all’economia reale, invece osservo sui mercati che gli Usa si stanno stufando di vedere un super dollaro e stanno facendo propaganda e azioni indirette, per favorire la loro causa ossia un dollaro più debole dei prezzi attuali.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.