Candlestick, l’analisi grafica delle candele di prezzo

Scritto il 23 Aprile, 2013 - 17:14 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
988 letture
Tag

La rappresentazione candlestick, utilizzate per la prima volta nel Giappone nel XVIII secolo da  Munehisa Homma per prevedere l’andamento dei prezzi del riso, è sicuramente il tipo di grafico oggi  maggiormente utilizzato e più noto, costruito dalla successione di candele del tipo Box-Plot, che prendono forma nel timeframe scelto. Si compongono di un corpo solido, definito dai valori di apertura e chiusura, e due ombre, definite dai valori di massimo e minimo.

La formazione candlestick

 candlestick

Un ingrandimento di un grafico candlestick

 Esempio Candlestick

La tipologia di candlestick giapponesi




Nota: Grafici a candele settimanali EUR/USD

Ovviamente esiste una classificazione molto ampia in base al tipo di formazione che l’andamento del prezzo fa assumere alla candela, le quali assumono valenze particolari e possono fornire, se opportunamente contestualizzate nell’andamento del trend e nelle caratteristiche dello strumento finanziario su cui sono costruite, importanti informazioni di forza o debolezza del trend, nonché segnali di inversione o di conferma, eccetera..

Ma vediamo le più importanti secondo una classificazione di base:

  • Candele bianche o verdi: si tratta di candele rialziste, in cui il prezzo di apertura è inferiore del prezzo di chiusura.
  • Candele nere o rosse: si tratta di candele ribassiste, in cui il prezzo di apertura è maggiore del prezzo di chiusura.
  • Candele grandi: esprimono un’elevata volatilità e possono essere dei segnai importanti di forza di trend
  • Candele piccole: caratterizzate da bassa volatilità possono esprime un consolidamento del trend, oppure una perdita di forza con implicita incertezza ed attesa.

 

 

Secondo una classificazione più dettagliata osserviamo le candlestick più significative:

Tra le figure di inversione più rilevanti troviamo:

  • Doji Lines: si tratta di una candlestick  in cui valore di chiusura e apertura coincidono; indicano un momento di indecisione e attesa. Questo tipo di candele trovano molta importanza se si sviluppano in fasi di mercato delicate, come ad esempio attorno ad un massimo o ad un minimo, e possono preludere a cambiamenti di trend o ritracciamenti di grado abbastanza rilevante, tuttavia non necessariamente sono segnali di cambiamento di trend, di per sé indicano solo incertezza. Bisogna sempre considerare il contesto in cui si sviluppano, e capire l’ ”umore” che sta dietro.

 

Doji Line Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

  • Shooting Star: si tratta di una candlestick con una volatilità molto elevata, in particolare assistiamo ad un andamento del prezzo che tocca massimi molto elevati, un minimo a ridosso del prezzo di apertura, e infine un prezzo di chiusura molto distante dai massimi. Si tratta di una candela molto importante se contestualizzata intorno a livelli di massimo in quanto presenta livelli di debolezza e può preludere ad un cambiamento di trend.

 

 Shooting Star Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

  • Hammer: probabilmente una delle candlesticks maggiormente indagate e discusse dagli analisti tecnici. Si tratta di una candela ad alta volatilità, di direzione indifferente (rialzista o ribassista) presenta un prezzo di apertura vicino al prezzo di chiusura, tuttavia è caratterizzata da un’elevata ombra ribassista, solitamente almeno doppia del corpo vero e proprio, che denota molta forza nelle vendite. Se si forma alla fine di un trend ribassista, solitamente prelude ad un cambiamento di trend a rialzo.

 

 Hammer Candlestcik

clicca per ingrandire l’immagine

 

 

  • Inverted Hammer: simile alla Shooting Star, presenta un’ombra almeno tre volte il corpo della candlestick, può essere sia una candela rialzista sia ribassista, tuttavia ciò che la rende degna di nota risiede proprio nell’ombra, che indica una presa di forza dei compratori, e se contestualizzata intorno a livelli di minimo e confermata dalla candela successiva può indicare un buon punto di ingresso in acquisto.

 

 Inverted Hammer

clicca per ingrandire l’immagine

 

 

  • Hanging Man: simile alla Hammer, si tratta di una candlestick abbastanza importante se contestualizzata alla fine di un trend crescente e favorisce un buon segnale di inversione in quanto rappresenta un evidente indebolimento della forza dei compratori, come dimostra l’ombra di elevate dimensioni che si snoda sotto il corpo. Se confermata dalla candela successiva prelude ad un cambiamento di trend.

 

 Hanging Man Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

 

  • Engulfing Line: probabilmente uno dei pattern più affidabili, consiste nella successione di due candlesticks di colore opposto in cui il corpo della seconda è più grande di quello della prima. Poca valenza se considerata in fasi di lateralità di mercato ma in un forte trend bullish o bearish è un chiaro segnale di cambiamento di trend. E’ necessario che i volumi e gli oscillatori opportuni (RSI14 per esempio) confermino la divergenza negativa).

 

 Engulfing Candlestcik with RSI14

clicca per ingrandire l’immagine

 

  • Piercing Line: configurazione molto interessante, composta da due candlesticks solitamente alla fine di un trend ribassista è composta da una prima decisamente a favore di trend (soprattutto ribassista) e una seconda candela che nasce in apertura con un gap singolativo (qualche tic) al di sotto della chiusura della precedente e si chiude almeno oltre la metà della precedente. Si tratta di un forte segnale di inversione, solitamente sui minimi.

 

 Piercing Line Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

 

  • Dark Cloud Cover:peculiare alla formazione Piercing Line ma di natura opposta, si contestualizza con efficacia nei livelli di massimo e prelude ad un cambiamento di trend.

 

  • Harami Line: tradotto dal giapponese come “donna incinta” si forma quando la seconda candlestick ha corpo inferiore alla prima che sembra “contenerla”. Può altresì presentarsi una formazione in cui la seconda candela è una Doji e in questo caso si parla di Harami Cross. Non è importante il colore della seconda anche se spesso è opposto alla prima; può essere quindi interpretata come una zona di consolidamento e di attesa, e anche ad un indebolimento del trend in atto. Come ogni formazione deve essere contestualizzata per poter essere interpretata nel modo più coerente. Se si verifica nella terza candela una rottura del massimo o del minimo della prima, si può interpretare tale segnale come una tendenza rispettivamente rialzista o ribassista.

Harami Line Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

 

  • Morning Star: così come l’Engulfing, si tratta di una sequenza di candlesticks tali da non necessitare di molte ulteriori conferme avendo in se abbastanza forza previsiva ed esplicativa dell’umore del mercato. Formalmente si presenta in un trend bearish ed è composta da tre candele: la prima è decisamente volta a ribasso con un corpo decisamente esteso, la seconda è una candela con un corpo molto sottile (se si tratta di una Doji si parla di Morning Doji Star) di tendenza rialzista o ribassista non è importante, tuttavia è necessario che nasca con un gap di qualche tic al di sotto della chiusura della precedente. La terza ed ultima candela della formazione in esame consiste in una candela fortemente rialzista con un corpo molto esteso, almeno oltre il 50% della prima candela. Il verificarsi di tale conformazione prelude ad un cambiamento di trend abbastanza rilevante a rialzo.

Morning Star Line Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

  • Evening Star: di formazione uguale a quella della Morning Star ma di carattere opposto: alla fine di un trend rialzista, dopo una candlestick decisamente ampia in favore di trend osserviamo un gap con la seconda candela (rialzista o ribassista non è importante) che presenta un corpo molto piccolo ( se Doji si parla di Evening Doji Star) e una terza candela ribassista con un corpo abbastanza elevato, con chiusura almeno oltre il 50% della prima candela.

 

 

  • Three White Soldiers: si tratta di una configurazione molto forte che non necessita di ulteriori conferme per operare. Si presenta solitamente dopo un trend ribassista, è formata da tre candele rialziste (bianche o verdi) in successione tali che l’apertura della successiva è sempre prima della chiusura della precedente o al massimo sui livelli di chiusura. Sono contestualizzabili in un trend decisamente a rialzo poiché si tende a creare una sorta di esteso Bullish Engulfing.

 Three White Soldiers Line Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

 

  • Three Black Crows: come la configurazione precedente dei Three White Soldiers ma di trend opposto, si forma sui massimi di un trend rialzista e consiste nella successione di tre candlesticks ribassiste con un corpo decisamente ampio, formano minimi decrescenti e ogni apertura è inferiore alla chiusura della candela precedente. Sono contestualizzabili in un trend decisamente ribassista.

 

  • Advanced Block: molto simili alle formazioni Three White Soldiers tuttavia di carattere e indicazioni quasi opposte in quanto presentano evidenti segnali di debolezza evidenziati dalle chiusure di tali candele che, seppur contestualizzate in massimi crescenti, sono molto lontani dai massimi relativi in ogni singola candela. In altre parole presentano un corpo abbastanza corto e un’ombra soprastante abbastanza evidente. Si trovano solitamente alla fine di un trend bullish e ne denotano una debolezza crescente. Possono essere considerati un chiaro segnale di debolezza e di (anche momentaneo) cambio di trend.

 

  • Stick Sandwich: solitamente (ma non necessariamente) contestualizzata sui minimi in un trend ribassista, è una composizione di tre candlesticks , una prima decisamente ribassista, sulla continuazione del bearish dominante, una seconda rialzista anche se con un corpo solitamente inferiore a quello della prima, e una terza anch’essa decisamente ribassista simile alla prima come ampiezza di corpo, che tuttavia non ne viola i minimi. Se appare in prossimità di minimi o di importanti livelli di supporto, dopo un trend ribassista, prelude molto probabilmente ad un nuovo bullish. Solitamente avviene alla fine di un trend bearish ma può benissimo formarsi, con gli opportuni cambiamenti di candele, alla fine di un trend bullish.

 

Tra le principali candlesticks di continuazione troviamo le seguenti configurazioni:

 

  • Rising Three Method: Si tratta di una comune configurazione di continuazione di carattere rialzista, si presenta come successione di cinque candele: la prima e l’ultima in favore di trend e con un corpo abbastanza rilevante; le tre candele intermedie solitamente di carattere ribassista con un corpo e ombre molto ridotte. Il superamento da parte dell’ultima candela del massimo della prima può essere contestualizzato come un buon segnale di continuazione a rialzo.

 

  • Falling Three Methods: Si tratta essenzialmente della stessa configurazione precedente ma di carattere opposto così come lo è il tipo di  candele.

 

  • Trusting Line: Figura di continuazione ribassista che si identifica come una mancata Piercing Line; osserviamo quindi una prima candela ribassista, e una seconda candela rialzista che apre con un gap down di qualche tic ma il cui corpo non riesce a superare il 50% della candela ribassista precedente.

 Trusting Line Candlestick

clicca per ingrandire l’immagine

 

  • In Neck Line: Figura di continuazione ribassista costruita come la Trusting Line con la differenza che la seconda candela chiude sul livello di chiusura della precedente, si tratta quindi di una configurazione con valenza abbastanza forte ribassista.

 

  • On Neck Line: Costruita come la precedente In Neck Line, tuttavia la seconda candela non riesca a chiudere nemmeno sui minimi della precedente; la forza ribassista è quindi ancora più marcata.

___

Lorenzo Zardi

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.