Brexit, l’onda lunga arriverà presto

Scritto il 26 Luglio, 2016 - 6:31 da Fabio Troglia
Pubblicato in
1808 letture
Tag

Brexit, l’onda lunga arriverà presto. Oggi a mente fredda vorrei analizzare con te, i futuri risvolti di Brexit, molti pensano sia passata invece…

Brexit

Brexit

La mia opinione nel medio termine sull’ Inghilterra è molto negativa, mi aspetto che nel medio termine vedremo i reali risvolti di una decisione cosi importante. Uno degli elementi principali che a mio avviso potrebbe scatenare problemi molto seri è legata alla svalutazione della sterlina. La svalutazione di una moneta può esser positiva o negativa a seconda del tipo di economia che tu possiedi. Un lato positivo di un indebolimento della sterlina, la Gran Bretagna lo avrà certamente sul fronte del turismo, ma il problema grave che si verificherà, di cui si sono già visti i primi segnali si chiamerà mercato immobiliare. Infatti la svalutazione della sterlina ha portato e questo fenomeno è appena iniziato, molti investitori a vendere immobili o comunque non comperarne più nel breve, con la possibilità di fallimenti di grossa crisi del settore immobiliare, ma la cosa più grave, il riflesso chiaro di rischio di fallimento di molti fondi legati al settore vero problema a mio avviso. Io credo che in un mondo non finanziarizzato, una crisi immobiliare non sia un problema strutturale, ma in un paese come Londra molto simile agli Usa, dove la finanziarizzzazione di tutto e a livelli massimi rischia di creare un effetto domino molto importante.L’ aspetto grave che accentuerà questo fenomeno, la necessita mediante nuovo easing da parte del governo di svalutare ancora di più la sterlina e quindi andando ad amplificare questo movimento. Quindi nel prossimo futuro credo che vedremo sui giornali, possibili fallimenti di fondi immobiliari, alcuni hanno già chiuso la possibilità di ritirare fondi, questo se mal gestito potrebbe creare un effetto domino, abbassando i prezzi del settore immobiliare, quindi riducendo le garanzie che molti hanno dato sui prestiti e investimenti e quindi creando un effetto devastante. Tutto questo verrà amplificato dal fatto che molte istituzioni lasceranno grandi spazi sfitti perché sposteranno le loro sedi fuori di Londra e questo non farà che aggravare la situazione.

Dal mio punto di vista crisi vuol dire opportunità, ma il timing deve essere scelto con attenzione, ora bisogna attendere che il bubbone scoppi, che inizino le reali difficoltà, bisogna attendere che la situazione raggiunga il suo culmine che sia ben evidente in tutti i suoi aspetti e poi solo allora si potranno valutare operazioni, siano immobiliari o sulla sterlina, oggi a mio avviso  prematuro, anzi un vero rischio.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.