Borsa cinese, il grafico deve preoccuparci?

Scritto il 3 Settembre, 2015 - 13:28 da Fabio Troglia
Pubblicato in
3855 letture
Tag

Borsa cinese, il grafico deve preoccuparci? Oggi vorrei analizzare più nel dettaglio dei numeri l’andamento della borsa cinese.

borsa cinese

borsa cinese

Oggi se vai dal macellaio senti che si parla della bolla cinese, dei suoi effetti a livello mondiale, ma vediamo insieme le quotazioni dell’indice azionario per capire se dobbiamo realmente preoccuparci.

Il rally della borsa cinese è partito nell’Ottobre del 2015 quando le quotazioni si aggiravano intorno ai 2000 mila punti, praticamente il listino dagli occhi a mandorla aveva fatto una sotto performance mega galattica rispetto agli altri indici mondiali.

-Poi è partito il rally delle quotazioni, e i prezzi sono schizzati in brevissimo tempo ad un massimo di 5250 mettendo a segno una performance del 165%.

Se facciamo un confronto, con l’indice S&p500, ci rendiamo conto che nel 2009 è partito grazie al Quantitative easing un trend molto forte che ha portato i prezzi da 700 a 2100 con una performance del 200%.

Quindi tutto questo che cosa ci dice?

Che le due performance si equivalgono, ma con due differenze:

-La velocità, ossia la borsa cinese ha corso ad una velocità folle, ma ha percorso la stessa strada.

-La borsa cinese è salita essendo in crisi e senza aiuti, stile quantitative easing.

Negli ultime settimane le quotazioni della borsa di Shangai sono passate da 5250 e sono arrivate a 3000 dove si sono fermate, perché il governo cinese ha deciso di intervenire con di fatto delle politiche di easing monetario.

La domanda che ti pongo,mi piacerebbe sapere la tua opinione:

Se il governo cinese come penso, deciderà di continuare a d intervenire sul mercato, la borsa cinese è più o meno interessante di quella americana? Ha più possibilità di scendere o di salire?

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.