Book, l’incontro tra domanda e offerta

Scritto il 14 Maggio, 2013 - 7:00 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
3216 letture
Tag

Che cos’è il book

Dall’inglese “libro” con questo termine ci si riferisce allo strumento con cui è possibile avere un approccio più tecnico all’incontro tra domanda e offerta di uno strumento finanziario, ai volumi scambiati, ai prezzi proposti dagli operatori, e dagli ordini che vengono inseriti e tolti, si può quindi osservare le dinamiche di contrattazione in maniera differente da quelle visualizzate sui grafici che fino ad ora abbiamo considerato.

É costituito da una videata dinamica suddivisa in due parti: a sinistra convenzionalmente sono riportate le migliori proposte di acquisto dello strumento, ossia la domanda (prezzo ask) e nella stessa maniera nella parte di destra le migliori proposte di vendita, ossia l’offerta (prezzo bid).

Gli ordini e le proposte sono ordinati sia nella parte ask sia in bid in ordine di prezzo, ovvero quello “migliore” è visualizzato per primo, e la differenza tra i due prezzi migliori è definita spread bid ask.

Oltre al prezzo proposto, per ogni ordine inserito viene riportata la quantità dello strumento che viene negoziata da ogni operatore, ed inoltre nel book sono sempre riportati i dati principali relativi allo strumento, ovvero il prezzo di apertura, il prezzo massimo e minimo battuto, la variazione del prezzo corrente da questi ultimi, nonché il totale di volumi scambiati nel periodo di contrattazione.

Vengono quindi rappresentati in maniera numerica tutti quei dati che compaiono anche nella dinamica grafica dell’andamento dello strumento.

Un book di negoziazione,

 book di negoziazione

 

Un altro aspetto interessante del book, oltre quello che permette  di avere una visione numerica e non grafica degli strumenti stessi usati nell’analisi grafica come supporti, resistenze, ecc. è quello che permette all’operatore di avere un immediato e visivo riscontro dell’effettiva liquidità dello strumento, e percepire immediatamente eventuali picchi di volatilità, variazioni anomale di volumi, pressioni  in acquisto o in vendita, in particolare osservando il numero di proposte e la quantità di ogni proposta si potrà riconoscere con un piccolo anticipo se la pressione formerà un momentaneo trend rialzista o ribassista.

Tuttavia non è così semplice poiché esistono molti tipi di ordini che possono condizionare l’apparenza di proposte poiché possono non venir eseguiti.

 

___

Lorenzo Zardi

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.