Big Mac Index, evidenze empiriche sulla PPP e sulla LPU

Scritto il 17 Luglio, 2013 - 8:00 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
3088 letture
Tag

Evidenze empiriche sulla PPP e sulla LPU

Dopo aver parlato e discusso in vari articoli della Legge del Prezzo unico e della Parità dei poteri d’acquisto, non potevamo astenerci dal mettere in dubbio l’effettiva veridicità di tali teorie, come ci spiegano tutti i manuali di economia monetaria in circolazione.

Qui le teorie precedentemente discusse:

https://www.fabiotroglia.com/parita-poteri-dacquisto-la-legge-del-prezzo-unico-1697

https://www.fabiotroglia.com/un-modello-del-tasso-di-cambio-di-lungo-periodo-basato-sulla-ppp-1836

Arrivati a questo punto è necessario fare alcune considerazioni:

  • Tutte le versioni della PPP hanno scarso successo nella spiegazione più pragmatica dei fatti
  • PPP assoluta è lontana dall’essere soddisfatta: i prezzi di panieri di beni uguali, quando convertiti in un’unica valuta sono  molto diversi tra i paesi.

index big mac

Fonte: The Economist

  • LPU non è risultata pienamente soddisfatta in alcuni studi recenti che hanno utilizzato prezzi di beni distinti in diverse categorie.
  • PPP relativa fornisce sicuramente una rappresentazione più coerente alla realtà ma non p esattamente verificata.

Quali sono quindi i problemi che sorgono e che non confermano la teoria della PPP, quali sono le distorsioni al modello?

  • Barriere allo scambio di beni non commerciali: costi di trasporto e restrizioni agli scambi rendono costoso spostare beni non commerciali.
  • Allontanamento dalla concorrenza perfetta: fenomeno del Pricing to Market (esempio: un’impresa commerciale vende lo stesso bene a prezzi differenti in base a strategie commerciali specifiche)
  • Differenze internazionali nei modelli di consumo e misurazione del livello dei prezzi: gli individui consumano generalmente quote più elevate di beni prodotti nel proprio paese; e dato che la PPP in termini relativi produce previsioni sulle variazioni dei prezzi piuttosto che sul livello degli stessi, la teoria rimane valida indipendentemente dal paniere considerato.

 

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.