Azioni Ubi Banca: nessun segnale di ripresa per ora

Scritto il 4 Ottobre, 2016 - 14:27 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1152 letture
Tag

Ubi Banca è senza dubbio tra i titoli più penalizzati dalle vendite a Piazza Affari da inizio anno, e almeno per il momento non si intravedono segnali di un recupero.

Ubi Banca è molto lontano dai valori di inizio anno quando quotava sopra i 6 euro, con le quotazioni che ora valgono un terzo. Il titolo dopo la flessione di inizio anno ha avviato un’ulteriore discesa che lo ha portato a segnare nuovi minimi dell’anno in area 1,9 a fine settembre.
L’impostazione grafica di Banca è decisamente negativa e risente dell’andamento altrettanto pesante del comparto di riferimento. A complicare ulteriormente il quadro per il titolo è la forte incertezza che aleggia intorno all’acquisto di 3 delle quattro good bank, specie dopo le richieste più stringenti della BCE.
Gli ultimi giudizi espressi dalle banche d’affari sono positivi visto che Banca IMI suggerisce di acquistare Ubi Banca con un prezzo obiettivo a 3,6 euro e lo stesso rating buy è indicato da Kepler Cheuvreux con un target price a 3 euro.
Si tratta di valori decisamente lontani in termini percentuale dai livelli correnti che costringono a concentrare l’attenzione sui recenti minimi dell’anno in area 1,9 euro.
Su tenuta di 1,9/2 euro si può tentare un acquisto in ottica speculativa con stop a 1,7 euro e obiettivo a 2,2 euro prima e in seguito a 2,4/2,5 euro.
Al ribasso si potranno aprire posizioni short su rottura di quota 2/1,9 euro, con stop a 2,1 euro e target a 1,7 e 1,5 euro.

Chi sono

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.