Azioni Tod’s: spunti operativi in attesa dei conti trimestrali

Scritto il 6 Novembre, 2015 - 15:13 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
2402 letture
Tag

Tod’s mostra una minore forza relativa rispetto ad altri protagonisti del lusso e nel breve si potranno valutare acquisti oltre quota 80 euro.

Tods

Tod’s, pur presentando un bilancio positivo da inizio anno, senza dubbio registra una performance meno brillante rispetto a quella di altri protagonisti del settore lusso, con un andamento quasi in linea con quello del Ftse Mib.

Dopo aver vissuto i primi tre mesi del 2015 in decisa crescita, con un rialzo delle quotazioni da 72 a quasi 98 euro, il titolo ha avviato una discesa che lo ha portato prima di fine agosto in area 78 euro. Da questo livello si è avuto uno spunto rialzista interessante in direzione dei 95 euro, con successivo ripiegamento fino ai 75 euro, da cui si sta sviluppando un rimbalzo in direzione di quota 80 euro.

Nel settore del lusso Tod’s non è certo tra i preferiti dei brokers, visto che gli ultimi giudizi espresso sono neutro-negativi. Deutsche Bank ad esempio suggerisce semplicemente di mantenere il titolo in portafoglio, con un prezzo obiettivo tagliato da 86,5 a 84 euro, mentre MainFirst ha migliorato il rating da underperform a neutrale, con una valutazione a 71 euro, più bassa dei prezzi correnti.

L’attenzione del mercato è ora rivolta ai risultati del terzo trimestre che saranno diffusi l’11 novembre, ma gli analisti non si aspettano particolari sorprese.

Operativamente si può tentare un acquisto al superamento di quota 80 euro, con stop loss a 77,8 euro e primo obiettivo a 82,5 e target successivo a 84,5/85 euro. Oltre questa soglia si potrà alzare lo stop a 82 euro, con take profit a 90 euro dove consigliamo di chiudere le posizioni ritenendo difficile un approdo almeno nell’immediato sui massimi dell’anno a 97/98 euro.
Ritorni al di sotto dei 75 euro potrebbe favorire un’accelerazione ribassista in direzione dei 71/70 euro.

Chi sono
Avatar

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.