Azioni Salvatore Ferragamo: una discesa sempre più pericolosa

Scritto il 24 Novembre, 2015 - 14:44 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1562 letture
Tag

Salvatore Ferragamo arriva a testare dei livelli importanti, la cui rottura potrebbe portare ulteriori vendite.

ferragamo

Salvatore risente dell’andamento negativo del settore del lusso, sulla scia delle rinnovate tensioni geopolitiche, alimentate dai recenti attentati terroristici a Parigi.
Durante l’estate il titolo ha patito le incertezze legate alla frenata della Cina e ora risente dei timori relativi alla frenata della spesa turistica e all’esposizione del gruppo ai mercati asiatici.

L’effetto è quella di una forte discesa che ha visto il titolo passare molto velocemente dall’area dei 25 euro avvicinata tra fine ottobre e inizio novembre, all’attuale soglia dei 21 euro.

Le banche d’affari hanno giudizi diversi su Ferragamo, visto che proprio oggi Nomura ha deciso di mantenere invariata la raccomandazione neutral, con un prezzo obiettivo ridotto da 27,8 a 24 euro, mentre ieri Banca IMI ha rinnovato l’invito ad aggiungere il titolo in portafoglio, pur riducendo però il target price da 31,17 a 25,74 euro.

Una discesa al di sotto dei 21 euro potrebbe costare cara al titolo che andrebbe a testare in primis la soglia dei 20 euro, sotto cui si avrebbero flessioni più accentuate verso i 18,5 euro. Un primo segnale di ripresa si avrebbe con la riconquista dei 22,5 euro, oltre cui si potrà tornare a guardare ai massimi di inizio mese in area 25 euro. Oltre quest’ultima soglia ci sarà spazio per un allungo verso i 26,5 euro e i 28 euro, livelli che difficilmente saranno rivisti nel breve.

La struttura tecnica del titolo si è indebolita e, pur non escludendo dei tentati vi di rimbalzo, di fatto lascia la porta aperta ad ulteriori flessioni verso i livelli citati prima.

Chi sono

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.