Azioni Mediobanca: semplice pausa del rialzo o inversione di rotta?

Scritto il 31 Ottobre, 2016 - 14:17 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1053 letture
Tag

Mediobanca a settembre e ottobre ha vissuto due mesi speculari, ma il recupero messo a segno di recente ha trovato per ora un ostacolo in area 7 euro.

Mediobanca nel mese di settembre ha perso terreno scendendo anche poco al di sotto dei 5,8 euro, salvo poi avviare un recupero che ha portato le quotazioni a testare la soglia dei 7 euro. Proprio in corrispondenza di questo livello sono scattate alcune prese di profitto che al momento sono da considerarsi fisiologiche visto il buon rimbalzo messo a segno dalla fine di settembre.
Il titolo nelle ultime giornate è stato sostenuto anche dalle buone indicazioni arrivate dai risultati degli ultimi tre mesi che hanno portato diverse banche d’affari ad esprimersi positivamente. Banca Akros ribadisce l’invito di accumulare in portafoglio con un prezzo obiettivo a 7,5 euro, mentre Equita SIM suggerisce di acquistare con un target price alzato da 7,6 a 7,9 euro. Anche Kepler Cheuvreux ribadisce la raccomandazione “buy”, con un fair value a 7,4 euro.
Nel breve sarà importante la tenuta di area 6,8 euro e sotto questo livello sarà ancora più rilevante difendere la soglia dei 6,6 euro, sotto cui potrebbe sviluppare un’accelerazione ribassista con target a 6,4 e a 6,2 euro per poi guardare alla soglia dei 6 euro.
Operativamente si può intervenire in acquisto su tenuta dei 6,8 euro con stop a 6,6 euro e primo obiettivo a 7 euro, con target successivo a 7,5 euro. In alternativa si potranno aprire posizioni long sulla forza a rottura dei 7 euro, con stop a 6,8 euro e obiettivi a 7,5 e 7,9/8 euro.

Chi sono
Avatar

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.