Azioni Generali: acquisti di breve solo in ottica speculativa

Scritto il 18 Marzo, 2016 - 14:24 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1804 letture
Tag

Generali ha trovato in area 11 euro una base da cui ripartire, ma la strada percorsa fino ad ora non basta per mettere al sicuro il titolo.

Al pari di molte altre blue chips, anche ha subito un pesante affondo dai massimi di inizio dicembre, scendendo da quota 18 euro, fin poco sotto gli 11 euro a metà da febbraio. Da questa soglia di prezzo è partito un recupero che ha visto i corsi avvicinarsi all’area dei 14 euro, con un successivo allontanamento dalla stessa, alimentato quest’oggi dalla reazione negativa del mercato ai conti diffusi dal gruppo.

La compagnia triestina ha archiviato il 2015 con indicatori in crescita, ma gli analisti si aspettavano qualcosa in più, in alcuni casi anche con riferimento al dividendo che pure è stato aumentato del 20% rispetto al 2014.

Equita SIM e mantengono una view cauta su Generali, con un rating rispettivamente hold e neutral e un prezzo obiettivo a 19 euro nel primo caso e a 18 euro nel secondo.

Più ottimistica la view di Banca IMI che consiglia l’acquisto del titolo con un target price a 18,3 euro, mentre Banca Akros fissa una raccomandazione add con un fair value tagliato da 19 a 16,5 euro.

Dal punto di vista tecnico Generali conferma una chiara impostazione ribassista e viaggia ben al di sotto della media mobile a 200 periodi che al momento transita in area 15,5 euro.
Un acquisto sui livelli attuali non sarebbe la scelta più azzeccata e sarà da consigliare solo a quanti hanno un’elevata propensione al rischio.

Al rialzo si potrà valutare un ingresso long al superamento dei 14 euro, con stop a 13,5 euro e obiettivo a 15/15,5 euro prima e a 16 euro in un secondo momento.

Eventuali ritorno al di sotto dei 13 euro autorizzeranno l’apertura di posizioni short con stop a 13,5/13,6 euro e obiettivi a 12 e a 11 euro.

Chi sono
Avatar

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.