Azioni Exor: due strategie per un long

Scritto il 13 Ottobre, 2016 - 14:23 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1138 letture
Tag

Exor non è certo tra le blue chips più scambiate di Piazza Affari, ma presenta un’impostazione tecnica interessante da non sottovalutare.

Fiat:Elkann,sono contento che è ancora più italianaExor al pari di molti altri titoli del Ftse Mib ha vissuto il suo momento peggiore quest’anno a febbraio, quando il titolo dagli oltre 41 euro di inizio anno è sceso ad un passo dalla soglia dei 23 euro.
Da questi minimi è partito un bel recupero che ha riportato dapprima le quotazioni al di sopra dei 30 euro, con successivo allungo al di sopra dei 35 euro. Proprio nelle ultime giornate ha provato ad allungare il passo in direzione dei 38 euro da cui è partito un ritracciamento in direzione dei 36 euro.
Il titolo si mantiene poco al di sotto dei 37 euro, riconquista i quali potrà ambire nuovamente ad un test di area 38. Con il superamento di questo livello si apriranno ulteriori spazi di crescita che vedranno come primi obiettivi i 40 e i 42 euro, prima di tornare a guardare ai massimi di novembre scorso in area 45 euro.
Dal punto di vista operativo suggeriamo un acquisto sulla debolezza in caso di riavvicinamento di area 36,5/36 con stop stretto sotto 35 euro e target a 38 euro prima e a 40 euro in un secondo momento.
In alternativa si può intervenire sulla forza a rottura dei 38 euro, con stop sotto 36,5 euro e obiettivo a 40 e a 42 euro.

Chi sono

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.