Azioni Campari: un valido acquisto dopo la trimestrale?

Scritto il 10 Maggio, 2016 - 14:05 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1444 letture
Tag

Campari continua a mostrare una maggiore forza relativa rispetto al mercato, aggiornando i suoi massimi storici sull’onda dei conti trimestrali.

Campari è senza dubbio tra quei titoli che sono meno correlati all’andamento del mercato, riuscendo a muoversi anche in controtendenza rispetto all’indice di riferimento. Una riprova di ciò è data dall’analisi del movimento registrato negli ultimi mesi, basti pensare che il titolo ha recuperato interamente la flessione accusata da inizio dicembre a metà febbraio, spingendosi oltre i livelli da cui la stessa era partita.

Non più tardi di ieri ha ricevuto una bella spinta verso l’alto dai conti del primo trimestre del gruppo che hanno sorpreso in positivo il mercato, superando le attese su vari fronti.

Numeri che tuttavia non hanno portato le banche d’affari ad abbandonare l’atteggiamento cauto che hanno sul titolo. Equita SIM ad esempio consiglia semplicemente di mantenere in portafoglio con un prezzo obiettivo a 9,1 euro, mentre ha un rating neutral con un target price alzato da 7,8 a 8,2 euro. Si è mosso in direzione opposta Kepler Cheuvreux che ha tagliato il giudizio su Campari da buy a hold, limando il fair value da 9o,2 a 9,1 euro.

Tecnicamente il titolo appare ben impostato ma la salita degli ultimi mesi richiede una certa cautela, anche in ragione dei massimi storici appena aggiornati che rendono difficile l’individuazione di successivi obiettivi al rialzo.

Operativamente sulla forza si potrà intervenire al rialzo su rottura dei 9 euro, con stop a 8,5/8,4 euro e primo obiettivo a 9,5 e target successivo a 9,9/10 euro.

In alternativa si può attendere un eventuale ritracciamento per acquistare su tenuta di quota 8,5/8,4 euro, con stop a 8,2 euro e obiettivo a 9 euro prima e a 9,5 e a 9,9/10 euro successivamente.

Chi sono
Avatar

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.