Azioni BP Milano: un acquisto speculativo per i più coraggiosi

Scritto il 20 Settembre, 2016 - 14:30 da Ivan Di Staso
Pubblicato in
1894 letture
Tag

Banca Popolare di Milano è senza dubbio tra i titoli più penalizzati dalle vendite a Piazza Affari quest’anno. Quali chances di ripresa?

Banca di Milano mostra una brutta inclinazione negativa da inizio anno, basti pensare che il titolo ha visto ridursi a quasi un terzo il suo valore rispetto alla fine del 2015, quando quotava appena sopra area 0,9 euro, mentre ora si presenta a ridosso di 0,35 euro.
Il titolo risente inevitabilmente della negativa intonazione del settore bancario sul mercato domestico, senza riuscire a trovare alcun sollievo nell’operazione di fusione con Banco Popolare ancora in corso.
Le banche d’affari sono ancora positive sul titolo, basti pensare che Banca IMI consiglia di acquistare con un prezzo obiettivo a 0,65 euro e la stessa raccomandazione viene espressa da Equita SIM che fissa un target price ancora più generoso a 0,72 euro. Positiva anche la view di Bank of America-Merrill Lynch che caldeggia lo shopping su Banca Popolare di Milano, con un fair value a 0,53 euro.
Dal punto di vista tecnico Banca Popolare di Milano si trova in una fase molto delicata, visto che i corsi sono ad un soffio dai minimi segnati a fine giugno e poi avvicinati nuovamente nel mese di agosto.
Con la tenuta di area 0,35/0,34 euro si potrà tentare un acquisto molto speculativo con stop stretto e rigoroso su rottura di 0,33 euro. Primo obiettivo a 0,4 euro, al superamento del quale si potrà alzare lo stop a 0,38 euro per un target successivo a 0,45 euro.

Chi sono
Avatar

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.