Azioni Banca Pop. Emilia Romagna: quando valutare un ingresso long

Scritto il 12 Novembre, 2015 - 14:37 da Ivan Di Staso

Banca Popolare dell’Emilia Romagna sta provando a ripartire dall’area dei 7 euro e se tutto andrà bene potrà ambire ad un ritorno sui massimi dell’anno.

bank

Banca dell’Emilia Romagna da gennaio ad aprile ha vissuto una fase di forte crescita che dai 5,5 euro lo ha visto approdare fino alla soglia degli 8 euro. In seguito si è avuto un ritracciamento verso area 7 euro da cui è partito un allungo su nuovi massimi dell’anno in area 8,5.

Fallito per due volte il tentativo di violazione di quest’area, Banca Popolare dell’Emilia Romagna proprio negli ultimi giorni è andato nuovamente ad appoggiarsi sul sostegno dei 7 euro, da cui sta dando vita ad una reazione.

I giudizi delle banche d’affari sul titolo sono nel complesso positivi anche alla luce dei risultati trimestrali diffusi ieri dal gruppo. Citigroup ad esempio mantiene invariata la raccomandazione buy con un prezzo obiettivo a 8,9 euro, mentre i colleghi di Exane BNP Paribas ritengono che Banca Popolare dell’Emilia Romagna sia destinata a sovraperformare il mercato, con un target price rivisto però al ribasso da 9,3 a 8,4 euro.

Operativamente si può valutare l’apertura di posizioni long al superamento dei 7,5 euro, con stop a 7 euro e primo target a 8 euro e obiettivo successivo a 8,5 euro. In alternativa si può attendere un nuovo eventuale ritracciamento verso i 7 euro, con stop a 6,5 euro e obiettivi a 7,5 e a 8 euro, con target successivo sui massimi dell’anno a 8,5 euro nel migliore dei casi.

Chi sono

Appassionato ed esperto dei mercati finanziari, da circa 15 anni si dedica allo studio e all'analisi di Piazza Affari, con un approccio basato sull'analisi tecnica e fondamentale.