Aud-Nzd, un segnale per entrare in trend!

Scritto il 20 Settembre, 2016 - 10:34 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1060 letture

 

Aud-Nzd, grafico di Price Action daily.
Aud-Nzd: torniamo ad occuparci del cross dell’Oceania perché in questo momento ci mostra una delle tendenze più continue nel panorama Forex. In un momento in cui, infatti, il dollaro statunitense è ancora coinvolto in una fase di particolare volatilità e variabilità legata al “tira e molla” sul rialzo dei tassi USA (e quindi sta generando una serie di movimenti di lateralità e di incostanza su molte coppie e CFD), Aud-Nzd riesce a mantenere un’ impostazione ben ribassista, praticamente in tutti i time frame. Sia il giornaliero che settimanale ci mostrano una bella tendenza discendente, ormai in essere da molti mesi, che ha visto il prezzo giungere fino alla zona di minimo relativo 1,0240 la scorsa settimana; la quotazione ha poi iniziato una fase di correzione tecnica fino all’area di resistenza 1,0340, interessante sia da un punto di vista statico ma anche dinamico, perché proprio in quell’area aggiunge dall’alto la media mobile 21 che potrebbe favorire la fine dello storno tecnico e la ripresa della pressione dei venditori. Attualmente la quotazione sta già mostrando una reazione ribassista che, se confermata a fine giornata, potrebbe anche essere valutata come un interessante segnale di Price Action ribassista con successiva elaborazione di una strategia di ingresso; in caso contrario (laddove cioè dovessimo assistere ad un ritorno verso l’apertura odierna) continueremo comunque ad attendere un set up di trading nell’area di resistenza sopra menzionata per entrare in questa bella tendenza discendente con un target sulla parità, che rappresenta il prossimo e più importante livello di supporto in caso di superamento del livello chiave 1,0240. Unica accortezza potrebbe essere la gestione del rischio in termini di “numero di contratti” da negoziare, in quanto proprio domani dopo il meeting della Federal Reserve si concluderà anche quello della Banca Centrale neozelandese (non dovremmo avere sorprese!) e la volatilità sulla valuta della Nuova Zelanda potrebbe essere in netto aumento, con tutti i rischi che ne derivano in termini di falsi movimenti e “fiammate ” non tecniche.
Maurizio Orsini
www.mauriforex.com (valute e materie prime)
http://www.youtube.com/user/QUIFOREX

audnzd-d1-09-20-2016-1023

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.