Articolo 18: L’talia vuole un popolo schiavo

Scritto il 5 Ottobre, 2014 - 17:16 da Fabio Troglia
Pubblicato in
2184 letture
Tag

Articolo 18: L’talia vuole un popolo schiavo.Oggi affrontiamo un tema di cui vi parlo da anni ossia la schiavizzazione del popolo italiano,ora vediamo insieme a che scopo.

Articolo 18

Articolo 18

La mia opinione è la seguente. l’ aveva di fronte due possibilità,quella di investire sull’alta tecnologia,sul made in Italy sull’eccellenza, oppure la strada di schiavizzare i suoi cittadini.

L’Italia un po come la Svizzera ha una caratteristica, di avere nelle mani la cosa più importante al mondo nell’economia odierna, ossia il Konw how e l’eccelenza certificata del più grande brand al mondo ossia il Made in Italy.Quindi la strada che io avrei percorso, o mi sarebbe piaciuto veder percorrere al mio popolo di origine sarebbe stata quella, ossia trasformare l’Italia in un centro di eccellenza di altissima qualità, talmente sofisticata che fosse impossibile da imitare.

Questo che cosa significava? Avere dei lavoratori qualificati, gratificati al mattino quando andavano al lavoro, alti stipendi e una grande qualità della vita.Questo, unito alla valorizzazione di alto livello del settore turistico potevano essere i più grandi successi del paese Italia.

Invece lo si era già capito,ma lo si ha avuto con la conferma dell’articolo 18, oramai una questione di tempo prima che venga abolito, quello che accadrà in Italia:

-Import di personale di basso livello, immigrazione clandestina ecc Fuga dei cervelli.

-Abolizione dell’articolo 18 permetterà alle aziende di avere maggiore flessibilità nei salari, nelle tutele dei lavoratori, quindi renderà più attraente investire in Italia per produrre o fare business di massa a basso valore aggiunto, dove non servono lavoratori, ma schiavi.Se un lavoratore mi costa 800 euro al mese, io imprenditore lo regolarizzo senza problemi, non sono più tentato di assumerlo senza contratto.Che tipo di lavoratore posso avere con uno stipendio di questo livello?

-Questa scelta rende possibile non rinnovare più il sistema sanitario pubblico, tanto per il nuovo cittadino italiano non sarà poi cosi necessario avere standard elevati.

-Scuola, stesso discorso anche si i programmi sono vecchi, le scuole cadono a pezzi non ci sono problemi.

Morale obiettivo dello stato italiano?

-Invece che investire per migliorare la qualità dei servizi offerti ai cittadini, sostituire i cittadini attuali con persone che abbiano meno esigenze.

Dal punto di vista teorico, devo dire che si tratta di una manovra di massimo rispetto e condivisibile, come italiano conferma la mia scelta e amplifica la mia volontà di andare a vivere in una località che sempre di più sia lontana da quel paese chiamato Italia.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.