Argento, la rottura dei minimi ed un segnale di trading!

Scritto il 30 Settembre, 2013 - 20:30 da Maurizio Orsini
Pubblicato in
1896 letture

Argento, il grafico daily evidenzia uno schiacciamento del prezzo sui minimi $21,30 la cui rottura potrebbe accentuare la discesa.

Argento: dopo i massimi quasi semestrali toccati a fine agosto, il prezzo si è riportato gradualmente al ribasso evidenziando, nel grafico giornaliero, una fase di accumulazione appena sopra il livello di supporto $21,30. La media mobile esponenziale a 21 periodi potrebbe fungere da resistenza dinamica tanto nel settimanale come nel daily ed anche un nuovo momentum ribassista sul correlato oro potrebbe favorire l’apertura di posizioni corte. Un segnale di price action short potrebbe essere quindi considerato con un target di presa di profitto in area $18,50 equivalente ai minimi triennali.
xag30

Finestra macroeconomica

La settimana che inizia oggi (la prima di ottobre) sarà caratterizzata da una intensa volatilità, non solo per le notizie macroeconomiche già in programma nel nostro calendario economico ma anche per le sconcertanti notizie politiche che potrebbero nuovamente causare pressioni sull’euro.
La giornata è iniziata con il dato sulla produzione industriale in Giappone (risultato inferiore anche alle previsioni) per poi proseguire con l’inflazione nella zona euro (in calo all’1,1% in settembre) ed il prodotto interno lordo canadese (superiore alle attese).
I mercati azionari asiatici hanno chiuso al ribasso risentendo della forza dello Yen (Nikkei -2%) mentre quelli europei subiscono l’influenza della situazione italiana e, dopo un’apertura in netto calo, terminano una seduta comunque di debolezza così come gli indici americani.
Il mercato Forex evidenzia l’apertura in gap per le coppie con lo Yen (ieri sera), incertezza per euro e petrolio, debolezza per il dollaro ed i metalli preziosi.
Alta volatilità prevista domani per il dollaro australiano in virtù del rilascio del dato cinese sulla produzione manifatturiera e, soprattutto, per il meeting di politica monetaria della Reserve Bank of Australia (non dovremmo vedere nuovi tagli di tassi).
Altri dati manifatturieri giungeranno anche dalla zona euro, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti. Dal Giappone avremo domani l’annuncio del premier Shinzo Abe sulla politica fiscale del paese.
www.mauriforex.com

Chi sono
Maurizio Orsini

Sono un trader indipendente che lavora nel mercato Forex e Cfd con la metodologia della Price Action Daily. Realizzo analisi e negoziazioni senza l’utilizzo di alcuno strumento che non sia il prezzo e con time frames giornalieri e settimanali. Si tratta di un’ operatività professionale e disciplinata che consente di lavorare nel Forex senza stress e con ottimi risultati, economici e di crescita nelle proprie competenze. Laureato in Economia nel 2001 (tesi in Analisi Tecnica dei Mercati Finanziari) completa nel 2002 il MEFIN (Master in Economia e Finanza Internazionale) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2003 mi occupo di trading, prima nel mercato azionario ed in seguito in quello valutario nel quale lavoro come trader e formatore. Titolare della Mauriforex, realizzo anche consulenza finanziaria indipendente (associato NAFOP) e corsi educational volti a creare figure professionali che operino nel Forex in modo altamente specializzato. La mission è quella di creare traders di successo, con un approccio preciso e rigoroso al mercato, mettendo a disposizione la propria esperienza e competenza per diventare un punto di riferimento nel settore.