Analisi statistico-matematica, il completamento dell’analisi grafica (introduzione)

Scritto il 18 Maggio, 2013 - 7:00 da Lorenzo Zardi
Pubblicato in
1824 letture
Tag

L’analisi statistico-matematica è decisamente molto importante nell’ambito dell’operatività a mercato.

Come introdotto inizialmente, un buon analista tecnico è sia un analista grafico sia un buon analista matematico, dal momento che semplicemente osservando l’andamento grafico di un indice o di un singolo strumento finanziario non è possibile avere un certo tipo di informazioni su ciò che sta sotto l’andamento puramente grafico, come ad esempio l’entità dei volumi; ma non possiamo fermarci solo a questo, bisogna considerare alcuni strumenti che prendono vita dall’andamento del prezzo ma che, oltre a fornire importanti indicazioni di carattere qualitativo sul tipo di trend, sulla sua forza, ecc, ci forniscono una visione più completa di dove stiamo operando e soprattutto possono aiutarci a confermare o smentire segnali ambigui o apparentemente indiscutibili che appaiono dal semplice andamento di prezzo.

Per questo dobbiamo considerare anche un’analisi statistico-matematica insieme all’analisi grafica.

oscillatori indicatori

Esistono due macro-tipologie di strumenti che rientrano nell’analisi statistico-matematica:

  • Gli indicatori di tendenza: strumenti che si muovono liberamente, senza alcun vincolo, seguendo il numero puro del prezzo, spesso rappresentati sul grafico stesso. Fanno parte di questa categoria le medie mobili, le medie mobili esponenziali, le bande di Bollinger, linee paraboliche,MACD, ecc..
  • Gli oscillatori: strumenti che oscillano all’interno di un range predefinito, spesso tra 0-100 in particolare per quelli standardizzati, ovvero riportati in tale range, oppure come per il MACD, che tuttavia non è un oscillatore ma un indicatore, oscillano ma senza un limite preciso poiché costruiti semplicemente sul trascorrere dei valori di prezzo, e per motivi di studio non possono essere sovrapposti al grafico. Rientrano tra i principali e più utilizzati oscillatori l’RSI, lo stocastico, l’oscillatore Aroon e  l’ADX.

___

Lorenzo Zardi

Chi sono
Lorenzo Zardi

Sono laureato in Economia e Finanza, ho maturato interesse per il trading speculativo e per l'analisi tecnica applicata agli strumenti finanziari negli ultimi anni in cui mi sono affiancato a traders professionisti, operatori in strumenti mobiliari e professori universitari. Continuo gli studi universitari nel corso di laurea specialistica in Finanza, Intermediari, Mercati. Ho intrapreso altresì una formazione in un private office di consulenza finanziaria collaborando con professionisti di alto livello nel settore della consulenza e della promozione finanziaria, dell'analisi di mercato macroeconomica, monetaria, tecnico-grafica.