Nio: sarà la nuova Tesla?

Scritto il 12 settembre, 2018 - 11:03 da Fabio Troglia
Pubblicato in
642 letture
Tag

Nio: sarà la nuova Tesla?

NIO sta testando l’appetito degli investitori per i produttori di auto elettriche che si contendono di diventare una risposta di origine nazionale a Tesla in Cina, il mercato più grande del mondo per tali veicoli. La compagnia affronta la concorrenza di dozzine di rivali locali, oltre a BMW AG, Daimler AG e una manciata di altri giocatori globali.

Un rappresentante di NIO non ha risposto immediatamente alle telefonate in cerca di commenti.

Diventando pubblico, NIO è destinata ad attirare lo stesso tipo di scrutinio intenso che la società di Elon Musk affronta mentre gli investitori cercano la prova che ha la capacità produttiva di mantenere le promesse. NIO aveva consegnato meno di 2.000 veicoli fino al suo deposito IPO.

Un gran numero di startup cinesi di veicoli elettrici in competizione con NIO, tra cui Byton e Xpeng Motors Technology Ltd., hanno raccolto fondi mentre preparavano le loro linee di prodotti. Xpeng è stato valutato a 25 miliardi di yuan ($ 3,6 miliardi) in un recente round di raccolta fondi, anche se non ha consegnato un singolo veicolo e non possiede una fabbrica.

NIO, nel frattempo, sta aumentando la produzione del SUV ES8, il suo primo prodotto commerciale, presso uno stabilimento partner nella città orientale di Hefei. Il fondatore William Li si è impegnato a consegnare 10.000 veicoli ai clienti entro la fine dell’anno. L’azienda ha bisogno di vendere circa 100.000 veicoli all’anno per pareggiare, secondo le stime di Sanford C. Bernstein & Co.

Come molti altri, NIO non ha ottenuto una licenza di produzione EV dai regolatori, quindi ha sfruttato il Gruppo automobilistico Anhui Jianghuai per costruire le sue auto. Ciò ha permesso a NIO di iniziare la produzione mentre lavorava per costruire uno stabilimento a Shanghai, ma significa anche che molti ostacoli legati alla produzione sono al di fuori del suo controllo. Anhui Jianghuai lavora con altre case automobilistiche e ha anche le proprie ambizioni.

Nel suo prospetto, NIO ha detto che prevede di ricevere una licenza di produzione in 2-3 anni e che prevede di utilizzare circa un quarto dei proventi dell’IPO per aiutare a sviluppare gli impianti di produzione e la catena di approvvigionamento.

Sulla base dei suoi attuali dati finanziari, NIO può sembrare costoso. Ha accumulato perdite per 1,6 miliardi di dollari dall’inizio del 2016, e ha iniziato a generare entrate solo nel primo semestre di quest’anno, portando a $ 7 milioni.

Ma la valutazione del produttore di auto elettriche si basa sulla crescita prevista del mercato. La Cina punta a 7 milioni di veicoli di nuova energia venduti entro il 2025. Entro il 2040, più della metà delle vendite di auto nuove e un terzo della flotta automobilistica del pianeta – pari a 559 milioni di veicoli – saranno elettriche, secondo una prospettiva globale pubblicato da Bloomberg New Energy Finance in maggio.

Tesla è stata valutata a meno di $ 2 miliardi nel suo IPO del 2010, e ora ha un valore di mercato di $ 47,7 miliardi anche dopo il calo di quest’anno.

L’offerta di NIO è stata guidata da banche tra cui Morgan Stanley, Goldman Sachs Group Inc. e JPMorgan Chase & Co. Le azioni sono destinate al commercio sulla Borsa di New York con il simbolo NIO.

Migliori piattaforme di trading gratuite

Broker Deposito Min. Apertura Conto
Plus500 100€ Inizia
Markets 100€ Inizia
XTrade 100€ Inizia



Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.