L’Italia come Dubai a tassazione zero

Scritto il 14 maggio, 2017 - 9:42 da Fabio Troglia
Pubblicato in
699 letture
Tag

​L’Italia come Dubai a tassazione zero. Oggi vi parlo di una delle caratteristiche che ha reso forte Dubai.

 

Dubai sempre al centro del mondo, per i suoi record, ma soprattutto perché ha tassazione zero.Questo invece di essere visto negativamente, lo sostengo da anni, dovrebbe essere un’ arma che molti stati potrebbero adottare per riqualificare alcune zone degradate, oppure per rilanciare l’ economia e indotto.
Come funziona una free zone a Dubai:
La città è stata divise in tante zone, sulla base della loro categoria merceologica e in ognuna di queste, si possono insediare le aziende. L’imprenditore proprietario al 100% della sua azienda, non paga nessuna tassazione ne d’impresa, ne Iva, ne tasse sui dipendenti.
Una delle proposte che il governo Renzi, un po di tempo fa avevo preso in considerazione, andava proprio in questa direzione, ossia quella di creare delle Free zone, in alcune specifiche aree.Ovvio che quella zona diverrebbe subito, un terreno molto interessante e molte aziende vorrebbero trasferirsi li e fare investimenti. L’idea del Pd era nata come polo attrattivo, verso le aziende che con la Brexit si vogliono spostare dalla Gran Bretagna.
Dal mio punto di vista, essendo estremamnete liberale, credo che questo modelli di business andrebbero utilizzati non solo per attrarre le aziende che potrebbero lasciare gli UK, ma in generale per rilanciare le zone italiane che maggiormente soffrono una mancanza di investimenti. In questo modo il governo italiano avrebbe dei grandi benefici in termini occupazionali, di miglioramento delle aree interessate, senza nessun costo.

Vero che non percepiree tasse dirette, ma vero che avrebbe vantaggi enormi quali:



-Riqualificazione.
-Miglioramento del sentiment della popolazione.
-Grande pubblicità.
-Tassazione indiretta da consumi, crescita di nuove famiglie ecc..
A mio avviso, potrebbe essere uno schema intelligente da adottare subito in varie parti d’Italia e quindi, trasformare un po di forza di una altra nazione a nostro vantaggio invece di vederlo sempre com un mito da demonizzare.​
Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.