Cina deafult, un trend importante sembra essere partito….

Scritto il 1 ottobre, 2018 - 11:35 da Fabio Troglia
Pubblicato in
689 letture
Tag

Cina default, un trend importante sembra essere partito….

A giugno, abbiamo chiesto se era giunto il momento di “iniziare a preoccuparsi per la valanga del debito pubblico in Cina” quando abbiamo riferito che secondo la società di ricerca Rhodium Group LLC, ci sono già stati meno 14 default di obbligazioni societarie in Cina nel 2018, un numero incredibilmente alto per un paese che fino a poco tempo fa non aveva mai visto un singolo fallimento societario, e un numero destinato ad aumentare mentre le banche cinesi ritirano il prestito da altre società che utilizzano i fondi per acquistare obbligazioni, esacerbando la pressione sul mercato.

Come abbiamo discusso l’anno scorso, come parte del giro di vite di Pechino sui 10 trilioni di dollari del settore bancario ombra, i ceppi si erano diffusi dai prodotti di fiducia ad alto rendimento alle obbligazioni societarie poiché la mancanza di finanziamenti ombra ha bloccato il rifinanziamento per i debitori più deboli. Separatamente, il prestito delle banche ad altre società finanziarie, una via comune per i fondi e gli intermediari mobiliari per aggiungere leva finanziaria per gli investimenti in obbligazioni societarie, ha continuato a diminuire da quando ha raggiunto un picco all’inizio del 2018, ed è ora al livello più basso da tardi il 2016.

 

La campagna di deleveraging sta deprimendo anche la domanda di obbligazioni: “A differenza degli Stati Uniti, dove la maggior parte degli acquirenti di obbligazioni sono fondi comuni di investimento, individui e società di investimento, in Cina i principali detentori di obbligazioni sono posizioni bancarie fuori bilancio”. ha detto l’analista di UBS Jason Bedford, che ha osservato che le banche cinesi stanno acquistando molte meno obbligazioni come risultato.

C’è un’altra ragione per cui gli acquirenti di obbligazioni tradizionali sono stati assenti dal mercato: secondo un nuovo rapporto di Goldman, le minacce al mercato obbligazionario cinese continuano a salire con il 2018 che si preannuncia come un anno record per le insolvenze dei bond onshore.

Secondo i calcoli di Goldman, solo in agosto e settembre di quest’anno, non ci sono state meno di 8 nuove insolvenze, una tendenza preoccupante “nonostante l’introduzione di una serie di misure di allentamento della politica all’inizio di luglio”. Questo si confronta con solo 11 nuovi default tra gennaio e luglio (secondo la definizione di Goldman) quest’anno, con tutte le recenti inadempienze provenienti da imprese private:

Neoglory Holding Group – Un conglomerato della provincia di Zhejiang. Il 25 settembre, la società non è riuscita a rimborsare completamente il pagamento principale su un documento commerciale da 1 miliardo di RMB e il pagamento in contanti su un prestito obbligazionario da 2 miliardi di RMB. Secondo Wind, la compagnia ha 12,8 miliardi di RMB di obbligazioni nazionali in circolazione.

Jilin Liyuan Precision Manufacturing – La società è quotata alla borsa di Shenzhen ed è un produttore di prodotti in alluminio, con sede nella provincia di Jilin. La società non è stata in grado di effettuare il pagamento degli interessi sul suo prestito obbligazionario di 740 milioni di RMB il 25 settembre. Si tratta dell’unica obbligazione della società in circolazione.

Gruppo Gangtai – Un conglomerato di Shanghai, la società non è stata in grado di soddisfare il pagamento in put su un prestito obbligazionario di 500 milioni di RMB. Secondo Wind, la società ha in circolazione RMB 2 miliardi di obbligazioni nazionali. Hanno anche un bond offshore da 100 milioni di dollari che è stato emesso a marzo di quest’anno e matura nel settembre 2019.

Il recente gruppo di inadempienze ha portato il numero di nuove insolvenze quest’anno a 19, superando il precedente record di 18 default registrato nel 2016. In termini di quantità nozionale di obbligazioni inadempienti, ha raggiunto 91,4 miliardi di RMB, equivalenti a 0,5% di obbligazioni societarie in circolazione all’inizio del 2018, e 69,6% in più rispetto ai 53,9 miliardi di RMB registrati per tutto il 2016. Pertanto il 2018 sarà un anno record per le insolvenze di obbligazioni cinesi onshore, sia in termini di numero di nuove inadempienze sia di l’ammontare nozionale delle obbligazioni in circolazione, come mostra il seguente grafico Goldman.

Sarebbe potuta andare peggio: secondo Bloomberg, il Qinghai Provincial Investment Group (“Provincia del Qinghai”) è stato in grado di collegare i fondi per soddisfare il pagamento del capitale e degli interessi sul suo bond da $ 300MM il 26 settembre. Ciò è notevole perché l’ultimo minuto il rimborso ha comportato l’evitamento di una prima obbligazione di default da parte di un veicolo di finanziamento delle amministrazioni locali in Cina, in quanto vi erano state incertezze sul fatto che la società disponesse di fondi sufficienti per effettuare i pagamenti, come riportato da Bloomberg. Detto questo, il giorno della resa dei conti potrebbe essere stato ritardato solo per il momento: la società ha $ 1,15 miliardi di obbligazioni in USD ancora in circolazione, di cui $ 300 milioni in scadenza l’11 dicembre di quest’anno. In quanto tali, i potenziali rischi di rifinanziamento per l’azienda vanno avanti e dovranno essere attentamente monitorati.

In ogni caso, nonostante le buone notizie sul fronte LGFV, è probabile che il sentimento rimanga misto mentre la differenziazione del credito si avvicina. Per Goldman, gli investitori cinesi di credito restano cauti a causa di una serie di motivi, il più importante dei quali sono i persistenti timori sulle inadempienze. Nel frattempo, i responsabili delle politiche cinesi restano determinati a promuovere le riforme del settore finanziario, compresi i continui sforzi per frenare le attività bancarie ombra, e l’aumento delle insolvenze negli ultimi due mesi riflette questo. Pertanto, è probabile che il sentimento rimanga misto, e ci aspettiamo che i default continuino e che ci sia un’ulteriore differenziazione del credito, una tendenza che si è verificata negli ultimi mesi data la svendita dei crediti più rischiosi e la sovraperformance dei nomi con rating più elevato.

Esiste un altro rischio potenziale: le società cinesi affrontano 2,7 trilioni di yuan nelle scadenze delle obbligazioni nel mercato onshore e offshore nella seconda metà di quest’anno, e insieme con altri 3,3 trilioni di yuan di prodotti fiduciari destinati a maturare nella seconda metà, i problemi di finanziamento probabilmente peggiorerà, dal momento che più di otto prodotti fiduciari ad alto rendimento hanno ritardato i pagamenti finora quest’anno.

Per essere sicuri, Pechino farà tutto quanto è in suo potere per evitare una cascata di default, ma un altro emergente – scusate il gioco di parole – rischia di diventare un sentimento negativo nei confronti delle imprese cinesi, potrebbe diventare il prossimo ostacolo per il debito dei ME, anche se le crisi in Argentina, Brasile e Turchia sembrano essersi stabilizzati per il momento, con un conseguente significativo deflusso di capitali da parte dei mercati emergenti, e ancora più dolorose lamentele da parte dei banchieri centrali dei ME che implorano la Fed di fermare il suo inasprimento, o altro.

Chi sono
Fabio Troglia

Attualmente svolgo un’attività di trading giornaliero sul mio patrimonio personale; in particolare i mercati di riferimento su cui opero sono i seguenti: indici internazionali, mercato azionario italiano, Forex e Commodities.